Ai lavoratori

by admin
“Siete voi lavoratori delle fabbriche e dei campi, ingegneri e architetti che, dando vita al mondo moderno, al mondo del lavoro e dell’uomo e della sua città plasmate nella viva realtà gli ideali che ognuno porta nel cuore: armonia, ordine, bellezza, pace. I più umili, i più innocenti, i migliori sanno nel loro presentimento che dal loro sacrificio di oggi potrà nascere finalmente qualcosa di nuovo e di grande, che le speranze dei nostri figli non andranno deluse, che il seme non fu buttato su un’arida roccia” (“Città dell’uomo”, Adriano Olivetti).
Condividi
Previous Article
Next Article

Lascia un commento

Your email address will not be published.
*
*