Mostra 38 risultato(i)

Il Movimento è morto, viva il Movimento!

Il Movimento ha straperso le elezioni regionali in Emilia-Romagna e Calabria, due terre in cui parte del Movimento stesso (a partire dall’ex Capo politico Di Maio) nemmeno voleva presentarsi. Tutto secondo le (facilissime) previsioni. Oggi, come ormai consuetudine, tutti gli analisti politici – sia quelli titolati che quelli laureatisi stanotte …

E’ finita la pacchia! (Grazie Luigi)

Stasera, con le dimissioni di Luigi, si chiude una fase importante. Non è la fine come dice (spera?) qualcuno, ma il necessario passaggio verso un nuovo inizio. Si chiude la fase in cui il Movimento è stato guidato da un Capo politico solo ed isolato, una figura che ha riunito …

M5S, basta depressione, rialziamo la testa!

Stiamo decisamente vivendo male questi mesi. Senza renderci conto che li rimpiangeremo per tutta la vita. Siamo al Governo dell’Italia, abbiamo realizzato già riforme di importanza epocale (legge anti-corruzione, reddito di cittadinanza, decreto Dignità…) eppure non riusciamo a sorridere. Abbiamo pensato per anni di poter cambiare questo Paese da soli …

Libertà di stampa

Ogni libertà costituzionale, in primis quella di stampa, deve essere rispettata e tutelata. I primi a doverla rispettare e tutelare, usandola con onestà intellettuale, dovrebbero essere proprio coloro che scelgono di fare un mestiere nobilissimo come quello di giornalista. In ogni professione c’è chi esercita con disciplina e onore, ma …

Tra #portichiusi e #maglietterosse

Non vi dico nulla di nuovo: la politica è sempre più spesso sostituita dalla semplice e sempre più becera comunicazione politica. Tutto diventa slogan, tutto fa titolo, tutto fa tweet… e pazienza se a farne le spese sono i contenuti. Il dibattito sul gestione dei flussi migratori diventa dunque solo …

Fermarsi ai titoli

Sono pochi quelli che leggono interamente un testo, moltissimi invece quelli che si limitano a leggere i titoli. E sui titoli, solo su quelli, danno giudizi. Se siete arrivati a leggere fino a qui sappiate che vi voglio bene. Se ne avete voglia vi chiedo di riflettere con me su …

Fascista a chi? Non abbiate paura del cambiamento

Un nuovo Governo inevitabilmente divide. Da una parte (ed è molto strano essere per la prima volta da quella parte) c’è la speranza e l’entusiasmo di chi ha condotto un lungo percorso e ora legittimamente non vede l’ora di mettersi all’opera; dall’altra chi teme la fine del Mondo, le cavallette, …

Dalle Parole Guerriere al Governo del Cambiamento

Ce l’abbiamo fatta! Dopo 88 giorni dalle elezioni del 4 marzo e un percorso estremamente complesso l’Italia ha finalmente un nuovo Governo, il #governodelcambiamento guidato dal Prof. Giuseppe Conte. A sostenere il Governo sarà una maggioranza assolutamente inedita formata da Movimento 5 Stelle e Lega. Grazie Luigi per il grande …

Quello che ci siamo persi

Ecco il governo del prof. Giuseppe Conte, il governo che – per sommo volere dei mercati – non vedrà la luce. Evito ulteriori commenti. Presidente del Consiglio: Giuseppe Conte Vicepresidente, Ministro del Lavoro e dello Sviluppo Economico: Luigi Di Maio Vicepresidente, Ministro degli Interni: Matteo Salvini Sottosegretario alla Presidenza: Giancarlo …

L’attesa

Dunque, ancora la strada sembra incredibilmente lunga, eppure… 1) dopo circa 70 giorni dalle elezioni, a fronte dei sei mesi impiegati dall’infallibile Germania, due forze politiche diverse tra loro si sono accordate su un Contratto di Governo; 2) tale Contratto è stato votato, con molta celerità visto che tutti i …

Abbiamo un Contratto

Il Presidente Mattarella non vuole leggere le bozze del Contratto di Governo, ma solo il testo definitivo. Giusto. Attendo anch’io con una crescente impazienza di leggere il testo definitivo e mi rifiuto di leggere presunti scoop e anticipazioni giornalistiche. Nell’attesa ci sono alcune riflessioni che non posso evitare di fare. …

La scelta di Salvini

Dare un Governo all’Italia non è mai stato semplice, ma oggi appare un vero e proprio rompicapo. La forte contrapposizione tripolare (per certi aspetti quadripolare) degli ultimi anni rende oggettivamente improbabile qualsiasi ipotesi di alleanza o anche la stipula di un “contratto alla tedesca” come chiesto dai 5 Stelle proprio …

A muso duro

Le settimane di “trattative” dopo le elezioni nazionali mi portano alla mente questa splendida canzone di Pierangelo Bertoli. La politica viene spesso descritta come l’arte del compromesso, una definizione che – in tutta sincerità – ho sempre detestato. Non tanto per il concetto, che potrebbe essere anche condivisibile, quanto per …

Quando non si è capito il giuoco

Dopo le elezioni del 2013, quelle della “non-vittoria” di Bersani per molte settimane l’allora segretario PD provocò il M5S, arrivato secondo grazie a/per colpa della manciata di voti presi dai vendoliani di SEL, chiedendo un appoggio – rigorosamente esterno – ad un “governo del cambiamento”. Il Movimento 5 Stelle rifiutò. …