“Il centrodestra sfiducia l’assessore Innocenti, il sindaco è inerme e per la città si aprono scenari catastrofici”.

La seduta consiliare del 5 novembre, conclusa con l’abbandono dei lavori dapprima dell’assessore all’urbanistica e poi dell’intera maggioranza di centrodestra (Sindaco e Presidente del consiglio compresi, costretti a far mancare il numero legale), ha segnato un’ennesima pagina davvero buia per la città di Sansepolcro.

Numerosi sono stati gli episodi grotteschi che hanno caratterizzato la serata, dedicata alle osservazioni al Piano Strutturale. Nello specifico, la maggioranza – votando osservazioni che aprono un nuovo fronte edificatorio in zona agricola di pregio a Gragnano – ha contraddetto l’orientamento da lei stessa adottato in casi analoghi, ha stravolto la pianificazione dell’ufficio e ha sconfessato apertamente la volontà della Giunta. A clamorosa conferma di ciò, dopo la votazione l’assessore all’urbanistica Fabrizio Innocenti, vedendo ignorato il proprio richiamo alla coerenza e alla responsabilità, ha abbandonato polemicamente l’aula. Si è così aperta dentro l’amministrazione un’ennesima gigantesca spaccatura, avallata anche dal sindaco che, astenendosi, ha di fatto rinunciato a prendere posizione.

A questo punto lo scenario che si trova di fronte la città di Sansepolcro è pressoché catastrofico. Quanto avvenuto, infatti, mette a serio rischio l’intero impianto di un Piano Strutturale che ha dovuto subire, anziché necessari interventi migliorativi, una lunga serie di blitz fortemente peggiorativimessi via via in atto da parte della maggioranza di centrodestra.

Partito Democratico
L’Ulivo per la Città Ideale
Rifondazione Comunista
Viva Sansepolcro

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *