Sansepolcro, Comunità dell'Altotevere

Buono censura il pubblico, ma ci sarà il Consiglio aperto sul Centro Storico

0 Comments


dopo l’ennesimo comportamento deprecabile di Buono e due ore di dibattito la decisione: a breve la convocazione del consiglio

da Fendente.it

Tale possibilità è stata negata dal presidente del consiglio Buono (Udc), che ha addotto motivazioni pretestuose pur di non accogliere la richiesta, interpretando in modo decisamente “originale” i regolamenti. Un tale comportamento da parte sua non è certo novità e conferma in pieno il giudizio sul suo operato già espresso dal nostro gruppo quando nel novembre 2009 abbiamo presentato una mozione di sfiducia per chiedere la revoca del suo mandato (voto favorevole di Viva Sansepolcro e Rifondazione, clamorosa astensione del PD, voto contrario delle destre).

Il comportamento si è reso ancora più spiacevole nel tentativo maldestro di scaricare colpe su quella parte politica, la Lista Civica, che ha promosso la mozione. La sala consiliare era piena di gente che aveva chiesto da mesi (per non dire anni) di essere ascoltata e aveva fatto presenti una lunga serie di problemi con appelli, esposti e denunce, tutte certamente conosciute dagli amministratori. Buono e altri esponenti hanno avuto invece la sfrontatezza di attaccare la Lista Civica per aver “cavalcato” la protesta popolare…siamo davvero all’assurdo.

Le tante persone presenti in sala non erano certo strumentalizzate da nessuno. Erano cittadini liberi che manifestavano la civile richiesta di intervento da parte dell’amministrazione comunale, cosa che -come detto- già chiedono invano da lungo tempo. Viva Sansepolcro è semplicemente l’unico movimento politico cittadino ad aver ascoltato la voce dei cittadini in questo lungo periodo…forse questa è, secondo i partiti, la “colpa” della Lista civica?

Il dibattito sulla mozione si è protratto per due ore circa, con la partecipazione riservata ai soli eletti e vogliamo ringraziare i consiglieri Graziotti e Cascianini per l’impegno e la serietà dimostrati. Il risultato finale è stato l’impegno a individuare quanto prima la data per un consiglio comunale aperto monotematico sul tema…cioè si è deciso di fare esattamente quello che poteva essere fatto ieri sera. Un atto di arroganza persino inutile dunque quello imposto da Buono e dalla maggioranza in nome di regolamenti puramente inventati.

Viva Sansepolcro non si tira affatto indietro e continua nella sua richiesta di soluzione ai tanti problemi del Centro Storico, continuando il percorso di confronto civile e rispettoso avviato con gli incontri del Laboratorio Civico e con l’attività del Gruppo consiliare. Vogliamo un Centro Storico in cui tutte le componenti sociali, civili, economiche e associative raggiungano quell’equilibrio che può garantire una effettiva vitalità e vivibilità urbana.

Il Centro Storico che abbiamo in mente è un luogo vitale, aperto alle iniziative dei giovani, vivo nelle sue realtà economiche, nei suoi luoghi di aggregazione e nei suoi luoghi per il divertimento. Vogliamo che tutto questo si equilibri con l’esigenza di una autentica vivibilità per i residenti, con una effettiva tutela della sicurezza pubblica, con una politica senza compromessi nei confronti di chi non rispetta le regole già vigenti.

Premessa per realizzare tutto ciò sarebbe un’amministrazione comunale capace di ascoltare la città, ma anche in quest’ultimo consiglio abbiamo avuto l’ennesima conferma che l’attuale governo cittadino rifiuta il libero dialogo con la città, con quella città che ha avuto finalmente dopo anni l’opportunità di farsi sentire.

Ci impegniamo a far sì che il consiglio comunale aperto venga convocato prima possibile e che affronti finalmente con serietà i temi sollevati, richiamando finalmente l’amministrazione al suo dovere di tutela dei diritti di tutti i cittadini e di rispetto delle leggi vigenti.

Lista Civica VIVA SANSEPOLCRO

www.vivasansepolcro.wordpress.com

Condividi
Tag:, , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

L’Italia delle Comunità