Polcri e Coletti confermano la speculazione al Melello

La smentita che non smentisce

Le dichiarazioni del dirigente dell’Ufficio Urbanistica arch. Coletti sulla speculazione edilizia al Melello confermano in pieno quanto sostenuto nel comunicato stampa di Viva Sansepolcro. Coletti ammette infatti che una parte dell’area pubblica potrà essere trasformata in edilizia residenziale al fine -così dice- di garantire al Comune i soldi necessari a riqualificare la restante parte della medesima area pubblica. E’ evidente anche al lettore meno attento quanto tale giustificazione non regga, visto l’enorme differenza tra l’incasso ricavabile dalla trasformazione a fini residenziali di un’area e i costi da sostenere per la sistemazione di un’area verde. Quello che abbiamo espresso nel comunicato di due giorni fa non è un attacco all’Amministrazione, ma la fotografia di uno stato di fatto. Spiace inoltre leggere dichiarazioni scomposte e inutilmente offensive da parte del sindaco Polcri, ma ormai siamo abituati alla maleducazione di certe esternazioni, che riteniamo si commentino da sole.

Viva Sansepolcro promuove da sempre una politica fondata sulla trasparenza delle scelte e su una pianificazione attenta alla vera riqualificazione della Città. La valorizzazione degli spazi pubblici, soprattutto nelle frazioni, è uno dei punti qualificanti delle migliori scelte urbanistiche attuate nei comuni più virtuosi. Realizzare uno spazio pubblico non si riduce, come evidentemente pensa questa Amministrazione, nel sistemare qualche panchina o alzare qualche recinto, ma anzi si concretizza soprattutto nella costituzione/riattivazione di luoghi di aggregazione in tutte le zone della città. Questo era uno degli impegni più urgenti presi da questa Amministrazione in particolar modo con le frazioni. In quattro anni abbiamo invece assistito alla chiusura di alcuni dei già pochissimi luoghi di aggregazione esistenti ed abbiamo assistito al continuo rinvio, ad esempio, sulla sistemazione dell’ex scuola del Trebbio da destinare a fini aggregativi. Stesso discorso può essere ripetuto per altre aree cittadine tuttora prive di luoghi pubblici di incontro e aggregazione. Oggi apprendiamo da Coletti che anche l’area pubblica dell’ex Bocciodromo verrà sacrificata a fini residenziali…con buona pace della socialità e di quella “nuova vitalità delle frazioni” che era uno dei cavalli di battaglia di questo centrodestra.

Ing. Mirco Giubilei
lista civica Viva Sansepolcro

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Post correlati