Sansepolcro, Comunità dell'Altotevere

Asilo nido “il cucciolo”

0 Comments


La risposta della consigliera Laura Cascianini alla lettera di un lettore di Fendente.it sull’asilo nido “il cucciolo”

Buongiorno,

sono un genitore di un bimbo dell’asilo nido comunale “Il Cucciolo”. Vorrei segnalare alla Redazione che, dopo l’aumento ingiustificato del 20% delle retta mensile avvenuta a inizio anno (a metà  anno!), il Comune ci ha comunicato che il prossimo anno i nostri bambini potranno rimanere all’asilo mezzora in meno (dalle 17 alle 16,30), ovviamente la retta resterà  la stessa!!!

Giovedì scorso riunione esilarante con l’Assessore Alvisi, che nel tentare di giustificare la situazione ha spostato l’attenzione dall’evidente disimpegno del Comune sul fronte servizi al cittadino alle varie vertenze in atto fra il Comune e le maestre dell’asilo.

Vi prego di tenere i fari accesi su questa vicenda, magari facendo qualche foto alle pertinenze esterne dell’asilo (in condizioni fatiscenti), che l’amministrazione, dopo il folle aumento della retta, si era impegnata a sistemare!

PS ovviamente chi vorrà  prolungare l’orario dell’asilo per il proprio bambino potrà  farlo…pagando ancora di più¹.

PPS a mia precisa domanda su chi fosse il responsabile della struttura (credo si chiami Coordinatore Pedagogico), l’Assessore mi ha risposto che NON C’E’!!!

Che era impossibile metterlo perchè le educatrici comunali sono tutte Dirigenti!!!

Non so se sperare che non sia vero che siano tutte Dirigenti…in ogni caso, ci rendiamo conto che non c’è un responsabile di una struttura con cosi tanti bambini dentro? Senza più parole.

-lettera firmata-

La risposta di Laura Cascianini

“”Il gruppo consiliare “Viva Sansepolcro” è ben a conoscenza del problema esposto. Nel corso della commissione consiliare in cui l’Assessore illustrò gli aumenti in questione furono avanzate da parte nostra forti obiezioni circa la proposta-imposta dell’aumento delle rette.

In particolare a nostro avviso con l’attuale suddivisione delle fasce reddituali risultavano particolarmente penalizzati i redditi medio-bassi.

E’ opportuno precisare che in quella seduta l’apertura del dibattito fu subordinata alla presa d’atto che il Comune non aveva altra scelta per la chiusura del Bilancio.

In tal senso fu con forza espressa dalla sottoscritta la richiesta di non procedere all’aumento di un servizio sociale se non prima di aver verificato la possibilità di sospendere altri discutibili contributi meno prioritari dell’asilo nido.

Ciò premesso non ci limitammo a replicare con un veto sterile ma proponemmo suggerimenti concreti atti a far “quadrare” il Bilancio.

Proponemmo ad esempio di rivedere le fasce reddituali in modo da garantire un equo criterio di sostenibilità della retta (secondo il principio “chi più ha più mette”) e soprattutto proponemmo di procedere ad una verifica dei numerosi casi di esonero dalla retta. Tanto per fare un esempio, parrebbe quantomeno sospetta la necessità di affidare i bambini all’asilo nido con genitori sedicenti disoccupati! Facemmo presente che le dichiarate situazioni di disagio economico incidevano non poco nel deficit comunale ricadendo inevitabilmente nell’impegno spesa delle restanti famiglie e proponemmo a tal proposito di lavorare congiuntamente con la commissione sociale perché di tale ordine era la questione e non meramente scolastica.

L’impegno è stato disatteso su tutti i fronti:

l’aumento effettuato ma il Comune, alla luce di successive erogazioni di contributi, non si è rivelato così povero da non poter prioritariamente farsi carico dei costi di un servizio sociale!

Per quanto attiene l’attività di coordinamento pedagogico e organizzativo ritengo essere di competenza del Comune e che pertanto al suo interno debba essere individuata la figura del responsabile.

Circa infine la questione dell’orario, nulla fu detto in via previsionale salvo l’illustrazione del contenzioso in corso il quale certo non può gravare sulle famiglie né esonerare l’amministrazione dalle proprie responsabilità sia nei confronti della cittadinanza che del personale responsabilmente coinvolto.””

Prof.ssa Laura Cascianini
Consigliere Comunale Viva Sansepolcro

Condividi
Tag:,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

L’Italia delle Comunità