Giuliani: ognuno si assuma le sue responsabilità sull’Ospedale

Nel giornale on-line Saturno notizie è stata riportata la notizia che un operaio, in data odierna, è stato morso da una vipera in zona Aboca ; soccorso dal 118 e poi con il Pegaso trasferito all’ospedale di Bibbiena, perchè: UNICO OSPEDALE CON POSTI DISPONIBILI IN TERAPIA INTENSIVA.Dispiaciuto, auguro una pronta guarigione all’incidentato.
Chi scrive anche se dopo un lungo silenzio si chiama Giuliani GianPiero (coordinatore del Comitato per la difesa dell’ospedale di Sansepolcro)il quale in tante e lunghe vicissitudini ha sempre denunciato e lottato affinchè la TIM -terapia intensiva- fosse mantenuta e potenziata del personale nel nostro presidio.
Fu una lotta impari fra il Comitato e qualche politico da una parte e la conferenza dei Sindaci zonale e la ASL8 la quale terminò  con l’apertura dell’HDU e con la garanzia che le prestazioni di emergenza (chirurgia e Pronto Soccorso ) erano garantiti da tale servizio.
Dire oggi ve lo avevamo detto, quando anche il Comitato (dando fiducia) collaborò alla stesura del protocollo d’intesa con la Regione e l’ASL8, ritengo sia solo piangere sul latte versato e mancanza di dignità.  Che ognuno , per la sua parte, se ne assuma la responsabilità!!
Purtoppo il caso accidentale di oggi ci deve portare a riflettere e dove la lungimiranza non è stata puntuale la medesima induca  a chi di dovere a rivedere e correggere tali fondamentali decisioni.
Mi ricordo quando il Signor Prof. Franco Polcri, prima di insediarsi a Palazzo delle Laudi disse: se  per il mantenimento dei servizi è necessario io sarò il primo ad incatenarmi all’uscio dell’Ospedale. Forse era una provocazione, ma tale affermazione gli portò senz’altro giovamento alla riuscita elettorale.
Ora, gentilissimo Sindaco, è necessario che  il contenuto di quel protocollo d’intesa  (votato all’unanimità dal Consiglio Comunale) venga fortemente preteso e in tempi celeri
tradotto in realtà.
Non si aspetti un’altra “vipera” per far riflettere sulle potenzialità del nostro ospedale ,ma  è necessario che da parte degli “addetti”con modestia si riconoscano i propri errori e ci si  impegni a correggerli, ove necessario, nel solo interesse della salute dei cittadini.
GianPiero Giuliani

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Post correlati